Comunicazione e pubblicità sul web

adblocking-goes-mobile-2016-pagefair-mobile-report-7-1024

Mettendo da parte per un po’ i pensieri sulla vita sociale che ormai la lascio ad altri ben più attivi, torno a parlare di quello che so meglio.

La comunicazione sul web.

Conoscerete tutti i programmi che permettono di bloccare l’adv (banner) sui siti web/blog sia sul mobile che su dispositivi “fissi”.

Molte agenzie e brand avevano iniziato ad investire di più sull’adv mobile perché era ed è un mercato in rapidissima crescita. La percentuale di utenti che usa gli smartphone per navigare è sempre più alta. (il comunicato del CENSIS del 2015)

Cosa ci dice il grafico preso dall’articolo uscito su PageFair che ci sono almeno 419 milioni di persone che bloccano gli annunci pubblicitari da mobile e cioè il 22% dei 1.9 miliardi di utenti che hanno uno smartphone.

Vedendo come si sta evolvendo il mercato, forse non sarebbe il caso di abbracciare sempre di più il marketing digitale che punta a colpire gli utenti sempre più attivi dei social, e perché no usare anche il content marketing come attività?

Il banner sta perdendo potenza? Lo si può definire in molti modi ma anche se è migliorato e non poco (chi scrive fa questa attività dal 2004, si sono vecchio) è pur sempre una comunicazione di massa, lo si può anche targhetizzare ma la vera comunicazione in target è un’altra.

Svolgendo tutte le attività che riguardano la comunicazione sul web, mi sento di suggerire ai brand di puntare moltissimo su article marketing e sui social. I budget trasferiteli di più in questa attività, colpirete perfettamente il vostro segmento di mercato, acquisirete potenziali clienti e aumenterete di più la brand awareness.

I termini chiave sono Influencer (fashion, travel, food) e Blog. Unica raccomandazione, cercate di affidarvi solo a Influencer e Blog con un engagement alto e con una buna reputazione.

fonte:

http://www.datamediahub.it/2016/05/31/2016-mobile-adblocking-report/#axzz4Ancaml5Q

https://pagefair.com/blog/2016/mobile-adblocking-report/

Comments

comments

Filippo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *