Diventare programmatore – code.org

A volte si pensa che dietro un grande progetto ci siano dei super scienziati, super nerd pazzi per la programmazione e che soprattutto dietro il pc ci sia un hacker (o presunto tale), un pazzo di codici che non fa altro nel suo tempo. Passare il tempo dietro la testiera a battere sui tasti e creare codici su codici. È una cosa da “sfigati”? Beh magari se invece di giocare su Facebook, guardare video su YouTube e giocare a campo minato (questo si che è da sfigati…) aveste speso qualche ora ad imparare a programmare a diventare dei “coder”, forse quelle cose che utilizzate ora le avreste potute realizzare voi…

Una piccola premessa che sa di tirata d’orecchie (soprattutto per me), per mostrarvi la campagna di sensibilizzazione che sta conducendo code.org, un sito web che aiuta ed insegna a programmare.

Mark Zuckerberg, Bill Gates, l’inventore di dropbox, ingegneri di Facebook e di altre multinazionali ci raccontano la loro piccola storia e del perché hanno deciso di vivere la loro vita dietro ad un pc.

In Italia non almeno che non si intraprenda la carriera universitaria (informatica) oppure delle scuole specialistiche la programmazione è ancora qualcosa di oscuro, così come un USA. Non c’è nulla di geniale nel fare programmazione, come non c’è nessuna genialità nel leggere o scrivere o capire la matematica. Non serve essere hacker, nerd, pazzi del pc per capire i codici, sono solo scritte come lo sono le lettere dell’alfabeto e come i numeri per la matematica.

Insegnare a fare “coding” dovrebbe essere una materia che si insegna a scuola, subito fin dalle scuole medie. Si vive con gli smartphone, con internet, col pc, con i portatili, e perché non si può insegnare alle giovani menti a programmare? A parlare direttamente con la macchina?

Guardatevi il sito code.org leggetelo, imparate…

Comments

comments

Filippo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *