La mente proiettata nel “whatever”

Il_marchese_del_grillo

Esiste una filosofia di vita che ho scoperto da poco. Questa filosofia è molto semplice e per applicarla basta utilizzare quattro parole, nemmeno tutte assieme, ne basta una sola, così a scelta.

Se qualcuno vi urla contro, vi dice che non siete preparati, che dovevate fare qualcosa di più… voi guardatelo e scegliete una di queste quattro parole

vabbé, evabbé, pazienza, amen

Vi lasciano (amore, lavoro, amicizia…)? Amen, pazienza… capita di venir abbandonati o derisi o “umiliati” o altro. L’importante è essere sempre sereni con sé stessi e ricordatevi che non ha senso né arrabbiarsi né cercare giustificazioni nel comportamento (maleducato, vigliacco, iracondo…) degli altri. Le persone se non sanno comportarsi staranno da sole e voi sarete sempre più complici del “whatever”, chisenefrega… solo noi sappiamo quanto valiamo. E come disse Il Marchese del Grillo (Alberto Sordi) “io so io e voi non siete un cazzo” o meglio… io so io e voi bho, siate ciò che vi pare…

Comments

comments

Filippo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *